LOGO CURA

WELFARE. COL PROGETTO CURA ASSISTENZA DOMICILIARE E DISPOSITIVI DOMOTICI PER GLI ANZIANI

Condividiamo con piacere il testo della rassegna stampa sul progetto Cura – anziani domotici

La sperimentazione, finanziata con 2,46 milioni di fondi PNRR, raggiungerà gradualmente il target di cento anziani con l’obiettivo di rimandare il più possibile il ricovero in Rsa. Bertolé: “la città invecchia e bisogna ripensare il sistema di assistenza”.

Milano, 13 Gennaio 2024 – Con l’obiettivo di prolungare il più possibile il tempo di permanenza presso la propria abitazione evitando o ritardando l’inserimento in RSA, il Comune di Milano ha avviato “Cura – anziani domotici”, un progetto che prevede forme di assistenza domiciliare intensive anche con monitoraggio a distanza e l’introduzione di elementi di domotica.

La sperimentazione, avviata lo scorso giugno nei Municipi 3, 4 e 8, ha ottenuto un finanziamento PNRR di 2,46 milioni di euro ed è frutto di una coprogettazione che vede come partner del Comune di Milano le cooperative Cogess, Eureka e Ass.i.s.te, i partner tecnologici Urmet e Abielle controls e quello scientifico 2W.

Sono 24 i progetti attualmente attivi, ma entro il 2026 si prevede di raggiungere il target di 100 anziani assistiti. Si tratta di persone fragili, ma con ancora un buon grado di autonomia, quindi lucide e orientate. Si privilegiano beneficiari con basso reddito, che vivono nelle case popolari, sono tendenzialmente soli o con una rete familiare non in grado di provvedere ai loro bisogni, presentano una certa fragilità sociosanitaria (presenza di patologie croniche, per esempio) e un carico di cura difficile da gestire.

Gli attuali beneficiari, individuati dagli assistenti sociali del territorio, sono 15 donne e 9 uomini di età compresa tra 65 e 98 anni. Periodicamente vengono inviate e valutate dai referenti del progetto nuove segnalazioni.

Il percorso prevede l’integrazione tra interventi classici – come l’assistenza domiciliare – e interventi innovativi, in particolare il monitoraggio continuo della persona attraverso la strumentazione domotica collegata a una centrale operativa unica, che raccoglie i dati trasmessi e garantisce il monitoraggio h24. In caso il sistema ravvisi criticità, l’operatore attiva il pronto intervento, mentre in caso di allarmi non critici è prevista l’uscita, nell’arco della giornata, dell’operatore ingaggiato sulla situazione, al fine di verificare e attivare supporti rispetto all’evento segnalato.

Ogni percorso è personalizzato in base alle caratteristiche e ai bisogni del beneficiario e tutto viene illustrato durante alcune visite domiciliari alla presenza degli operatori sociali e di tecnici esperti che si occupano di spiegare le potenzialità dei dispositivi che vengono poi installati con gradualità nel corso del progetto anche in relazione alla familiarità, alla conoscenza e alla fiducia che l’anziano acquisisce col tempo. Si cerca, inoltre, di coinvolgere anche il medico di medicina generale, avvisandolo della sperimentazione e delle sue potenzialità.

Per monitorare lo stato di salute e il benessere della persona, sono a disposizione dispositivi di teleassistenza, con sensori rispetto alle cadute e geolocalizzazione. E’ possibile, inoltre, prevedere telefonate con finalità di aggancio relazionale, monitoraggio telefonico per il controllo dell’assunzione dei farmaci sulla base della prescrizione del medico di medicina generale e per ricordare all’anziano eventuali appuntamenti per visite mediche. Gli strumenti domotici garantiscono inoltre il controllo dei parametri base della persona: pressione, saturazione, pulsazioni, controllo del peso, rilevazione temperatura corporea. Per garantire la sicurezza dell’ambiente domestico, vengono invece installati sensori per la rilevazione delle fughe di gas, luce notturna, sonda di temperatura, sensore per la rilevazione dell’apertura o chiusura della porta d’ingresso, sensori di presenza e movimento con alert su fascia notturna e diurna: tutta la sensoristica ambientale invia un messaggio di allarme alla centrale unica in caso di superamento dei parametri “di norma” che può comportare un contatto telefonico di verifica, l’uscita di un operatore domiciliare o il ricorso ai numeri di pronto intervento in caso di impossibilità di mettersi in contatto con il beneficiario.

Il progetto prevede, inoltre, la possibilità di attivare la visita domiciliare di un architetto per verificare l’idoneità degli spazi in relazione alle esigenze dell’anziano e valutare una riorganizzazione, con l’aiuto di un esperto di ausili. E’ prevista, infine, l’attivazione di un assistente familiare per brevi periodi di emergenza.

“La nostra città, seguendo il trend del Paese, sta invecchiando molto velocemente. Le persone – dichiara l’assessore al Welfare e Salute Lamberto Bertolè – vivono più a lungo e sono spesso sole, con patologie croniche che riducono la loro autosufficienza. Ecco perché è fondamentale ripensare il sistema di assistenza per rimandare il più possibile il ricovero nelle strutture residenziali e costruire attorno agli anziani una rete che permetta loro di rimanere nelle loro case e nei loro quartieri. Il progetto ‘CURA’ va proprio in questa direzione ed è per questo che abbiamo fortemente voluto proporlo per il finanziamento PNRR. I percorsi si inseriscono e si armonizzano con una serie di attività già avviate sul territorio e garantite dal Comune: presa in carico dei servizi sociali, assistenza domiciliare, intervento dei custodi sociali e interventi educativi. Una cornice che vogliamo arricchire con soluzioni sempre più mirate”.

Sabina Nanti, presidente Cooperativa Cogess capofila dell’ATI: “Il progetto ha l’obiettivo di migliorare la qualità dell’assistenza domiciliare alle persone anziane integrando le competenze sociali e assistenziali con supporti tecnologici di presidio dei luoghi domestici e della vita quotidiana. Nell’acronimo C.U.R.A. vengono sintetizzati gli aspetti valoriali e di metodo sottesi alla proposta: Conoscere – analizzare contesti e bisogni; Unire – favorire il dialogo tar competenze e saperi differenti: sociale e innovazione tecnologica; Raggiungere – portare nelle case delle persone fragili nuove opportunità personalizzate di risposta ai bisogni: Assistere – migliorare la qualità dell’assistenza mettendo la tecnologia al servizio delle persone fragili”.

Su RaiNews trovate il video del servizio andato in onda con il TG Regionale di venerdì 12 gennaio ore 19:30:

Collegamento al servizio del TG Regionale

Logo-consideraMI-def_xvideo_RGB

3 dicembre 2023, Cogess presenta la Rete ConsideraMI: insieme per l’inclusione

In occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità, siamo lieti di comunicare che Cogess ha contributo alla creazione della Rete ConsideraMi: 16 enti del Terzo Settore, che credono fortemente nella cultura dell’inclusione e ora, insieme, al lavoro, nelle comunità territoriali, per costruire percorsi di inclusione per bambini e adolescenti con disabilità.

 

Un partenariato, nel territorio della città di Milano, che, come sancito dall’Accordo di Rete, mette al centro della propria azione il protagonismo del minore e della famiglia e la costruzione di un progetto di vita autenticamente praticabile. Da questa attenzione e cura nasce la necessità di connettere informazioni, opportunità e politiche con la promozione, la gestione e l’aggiornamento della piattaforma ConsideraMi e l’implementazione di azioni, politiche e attività, coordinate e sinergiche, per l’inclusione illustrate nel documento programmatico Agenda 16 per il futuro, presentato all’Assessorato del Welfare e della Salute Mentale del Comune di Milano il 17 novembre 2022 e in attesa di essere integrato nelle politiche di questa Amministrazione.

Dalla collaborazione avviata tra gli enti del privato sociale partecipanti al progetto “ConsideraMI – verso una città inclusiva per bambini e ragazzi con disabilità” (progetto ex lege 285/1997, 2019-22), le organizzazioni coinvolte (Associazione L’abilità Onlus, AGPD – Associazione Genitori e Persone con sindrome di Down Onlus,  AIAS ETS Milano, Azione Solidale Società Cooperativa Sociale, Società Cooperativa Sociale Cascina Bianca a.r.l., Codici | Ricerca e intervento, Cogess Cooperativa Sociale, Comin Cooperativa Sociale di solidarietà, Fondazione Aquilone Onlus, Fraternità e Amicizia Società Cooperativa Sociale Onlus, La nostra comunità ETS – OdV, Ledha Milano coordinamento associativo della città metropolitana di Milano per i diritti delle persone con disabilità APS, L’Impronta Associazione Onlus, Cooperativa Sociale Eureka!, Consorzio Sir, Spazio Aperto Servizi Società cooperativa) hanno scelto di formalizzare una vera e propria rete aperta alla città, della quale anche noi siamo parte attiva.

In questa giornata che potrebbe risultare, per tanti genitori, cittadini e cittadine, operatori del sociale e dell’educazione, piena di slogan e di promesse vuote, la Rete ConsideraMi tenta di fare la differenza.

La Rete ConsideraMI, nata da organizzazioni radicate nei territori e che seguono complessivamente oltre 2000 bambini e famiglie ogni giorno, partendo da una lettura critica della condizione di disabilità nell’infanzia e nell’adolescenza a Milano si pone l’obiettivo di concorrere al cambiamento.

Come?

  • Attraverso 16 proposte che toccano i diversi aspetti dell’infanzia e dell’adolescenza
  • ispirando politiche e atti concreti rivolti a connettere uno scenario assai frammentato
  • costruendo interventi coordinati e trasversali a livello di sistema.

Vicinanza, solidarietà, rete capillare, capacità organizzative e di intervento, aumento di qualità dei servizi: di questo hanno bisogno urgente bambini e famiglie. Il nostro portale, la presenza di servizi dedicati al gioco, all’autonomia, alla socializzazione, al sostegno dei genitori e della rete, hanno l’ambizione di essere l’emblema di questo spirito di connessione.

Un lavoro di mappatura delle risorse e un’opera di tessitura di relazioni che ci chiama alla responsabilità del fare, del costruire, dell’includere.

PER SAPERNE DI PIÙ

SITO  considerami.i

mini_Vercalli-immagine-copertina-500x333

Gioco d’azzardo e alcol in età anziana: l’esperienza dei servizi di assistenza domiciliare e di custodia sociale

A fine 2021 è stata pubblicata la ricerca “Gioco d’azzardo e alcol in età anziana: pensieri ed esperienze degli assistenti sociali lombardi”, realizzata dal Gruppo Anziani dell’Ordine Assistenti Sociali Lombardia. 

In settembre 2022 in un seminario svolto a Milano, la ricerca è stata presentata nell’ottica del ruolo possibile di servizi e operatori domiciliari e di prossimità: l’articolo riporta riflessioni e sguardi dei relatori impegnati, in alcune zone di Milano, in servizi territoriali per anziani.

di Chiara Vercalli (assistente sociale specialista, Gruppo Anziani Ordine Assistenti Sociali Lombardia), Alessia Battaglia (educatrice professionale, coordinatrice di assistenza domiciliare anziani, Cooperativa Cogess), Sara Pizzetti (educatrice professionale, coordinatrice di custodia sociale, Fondazione Aquilone).



A questo link l’articolo completo

#Conciliamo: Progetto “Per Noi”

 

A fine 2019 la Cooperativa Cogess ha partecipato, insieme a Cooperativa EUREKA e Cooperativa Koinè, all’avviso pubblico “#Conciliamo” emesso dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri con il progetto “PER NOI”.

Scopo dell’avviso era quello di promuovere azioni di welfare aziendale, per sostenere lavoratrici e lavoratori nei propri bisogni personali e familiari.

La pandemia, scoppiata subito dopo la presentazione del nostro progetto a gennaio 2020, ha allungato i tempi di valutazione del progetto e finalmente a giugno 2022 abbiamo avuto la conferma che la proposta progettuale è stata finanziata e abbiamo dato avvio da subito ad alcune azioni del progetto., mentre altre verranno avviate a breve.

Di seguito le principali azioni finanziate:

  • bonus nascita
  • sostegno al rientro dalla maternità
  • supporto allo smart working
  • borse di merito
  • abbonamento ATM
  • sostituzione maternità
  • istituzione welfare manager
  • consulenza caregiver
  • assistenza domiciliare socioassistenziale
  • assistenza domiciliare educativa
  • sostegno al rientro dopo lunghe malattie

 

Tutte queste azioni sono un piccolo contributo per facilitare la conciliazione dei tempi di vita e dei tempi di lavoro, sostenendo le persone nei carichi di cura e promuovendo le condizioni che garantiscano l’occupazione femminile.

  Il progetto durerà 24 mesi e ci permetterà di sperimentare azioni che saranno mantenute anche dopo la sua conclusione.

Adomaker-blog

Progetto ADOMAKER. Adolescenti fragili insieme per costruire relazioni

Grazie ad una iniziativa di Mutua Cesare Pozzo abbiamo avuto l’occasione di raccontare il Progetto AdoMaker, realizzato in coprogettazione con il Comune di Milano nel territorio del Municipio 3 con ragazzi adolescenti.

Fare gruppo, creare relazioni, socializzare.

Sfide che l’emergenza sanitaria ha reso ancora più ardue ma allo stesso interessanti, mettendo il luce risorse e potenzialità educative degli strumenti digitali come mediatori della relazione.

A questo link il racconto dell’intervista dove emergono i nodi cruciali del progetto e gli obiettivi raggiunti !

 

 

Adolescenti fragili: insieme per costruire relazioni

WhatsApp-Image-2021-04-09-at-11.03.36

ASSISTENZA ALLA COMUNICAZIONE

Oggi vi presentiamo uno degli ambiti in cui Cogess si è specializzata nel tempo: l’Assistenza alla Comunicazione.

Gli interventi di assistenza alla comunicazione sono volti a sopperire alle difficoltà nella comunicazione e nella partecipazione che gli studenti possono incontrare nel raggiungimento dei risultati scolastici e formativi a causa di limitazioni visive o uditive. I progetti individuali tengono conto delle indicazioni di tutti gli specialisti coinvolti, al fine di promuovere una cultura di effettiva inclusione.

Si rivolgono a:

Alunni frequentanti percorsi educativi, scolastici e formativi dalla scuola dell’infanzia all’istruzione secondaria di secondo grado e alla formazione professionale, in possesso di certificazione di disabilità sensoriale.

 

Condiviamo alcune foto del lavoro che le educatrici specializzate in assistenza alla comunicazione fanno con i bambini e i ragazzi, servendosi di competenze ma anche di fantasia, creatività e manualità!

 

 

Genitorionline-S.Andrea

#genitorionline

In collaborazione con le diverse scuole del Comune di Biassono ed in rete con il progetto “Good Morning Brianza” promosso dell’ufficio di piano – ambito di Carate Brianza

PRESENTIAMO:

DUE SERATE APERTE PER DISCUTERE SU COME AFFRONTARE LE SFIDE EDUCATIVE DELLA NOSTRA EPOCA

 

La partecipazione alle iniziative è gratuita. Le serate si svolgeranno on-line sulla piattaforma Zoom.

E’ necessaria l’iscrizione che deve avvenire tramite una mail di richiesta a: progettazione@cogess.it

 

 

 

 

 

 

 

Ambito territoriale di Carate Brianza
Comune di Biassono

 

lets-go-esiti_img

LETS GO! Misura di sostegno agli Enti di Terzo Settore

“Il 19 febbraio 2020, il Covid-19 è entrato prepotentemente nelle nostre vite, sconvolgendo le nostre abitudini, minando le nostre certezze, rarefacendo i rapporti sociali, togliendo lavoro, scuola, servizi.Parole come isolamento, distanza, rischio, contagio, solidarietà, empatia, relazione, cura e prossimità, stanno assumendo un significato “nuovo”. Abbiamo dovuto adattarci, in modo traumatico, aduna realtà completamente diversa, sia come singoli che come comunità; un’esposizione apparentemente condivisa al rischio, alla vulnerabilità e alla morte ci ha imposto un modo diverso di pensare e di relazionarci.”

A distanza di qualche mese dall’inizio della pandemia Fondazione Cariplo ha emesso il bando LETS GO con la finalità di preservare i servizi resi dagli enti diterzo settore negli ambiti di intervento delle Aree Servizi alla Persona, Arte e Cultura e Ambiente.

Cogess, viste le difficoltà che stava affrontando, ha deciso di partecipare con la proposta “Centralità della domiciliarità” e si è vista assegnare un contributo di 66.000 euro che l’hanno aiutata a reagire, riorganizzare i servizi, tutelare fruitori e operatori nel lavoro di tutti i giorni a fianco delle fragilità.

 

 

Immagine-2-1

COGESS da oggi sul portale cittadino WEMI

È online all’indirizzo wemi.comune.milano.it il nuovo portale WeMi, curato dal Comune di Milano grazie al finanziamento del PON Città Metropolitane 2014-2020 che ha visto tutte le realtà presenti impegnate in un complesso lavoro di sviluppo e progettazione.

Cosa potete trovare

Wemi ti permette di trovare soluzioni personalizzate, scambiare esperienze e sperimentare nuovi servizi di welfare.

In particolare garantisce: – ascolto; – informazione; – orientamento, – condivisione dei servizi; – volontariato.

Ci troverai con i nostri servizi: – educativi; – socio-assistenziali; – psicologici; – di prossimità; – di supporto allo studio; – di accompagnamento; – di socializzazione. E molto altro !!!

Visita il portale e scopri tutti i servizi a disposizione dei cittadini.

Se ci conosci e vuoi lasciare una opinione sui nostri servizi lo potrai fare sul portale Wemi, aiuterai così altri cittadini ad orientarsi nella scelta.